Privacy e Video Sorveglianza

Privacy e Video Sorveglianza

Il settore della videosorveglianza negli ultimi anni continua a non conoscere crisi, spaziando dalla sicurezza in abitazioni private, ai luoghi pubblici, aziende, pubblici trasporti e numerosi altri ambiti. Eppure, questo sempre maggiore interesse ed il correlato incremento della domanda di sicurezza, da parte sia del settore pubblico e sia del settore privato, non trova corrispondenza in una maggiore conformazione alla normativa, difatti la maggior parte degli impianti di videosorveglianza non corrisponde ai requisiti minimi richiesti dalla normativa privacy, ad esempio per la  modalità di posizionamento delle telecamere e per la conservazione delle immagini registrate.

Gli ambiti normativi in cui spazia la videosorveglianza vanno oltre il rispetto del solo codice Privacy, l’adozione di sistemi di videosorveglianza comporta anche l’osservanza di ulteriori specifiche disposizioni di legge, tra le quali le norme del codice penale che puniscono le interferenze illecite nella vita privata, la legislazione in materia di controllo a distanza dei lavoratori e di pubblica sicurezza.

I soggetti attori, quindi tenuti al rispetto della normativa,  sono sia gli installatori degli impianti, sia gli utilizzatori finali: i primi, di fatto, nel momento in cui procedono all’installazione sono tenuti a rilasciare una specifica dichiarazione di conformità dell’impianto alla normativa privacy, in virtù di  quanto previsto dall’allegato B al Codice Privacy; i secondi, nell’utilizzo dell’impianto devono anch’essi rispettare le previsioni del codice, in particolare in materia di misure minime di sicurezza.

L’interesse alla tutela della dignità e riservatezza è sempre più forte, facendo sì che le materie che ruotano attorno alla privacy siano attenzionate in maniera particolare. La salvaguardia e la stessa interpretazione dei contenuti della riservatezza devono confrontarsi con l’evoluzione di una tecnologia sempre più pervasiva e invasiva e con le esigenze, sempre più impellenti, della sicurezza sociale e collettiva, interna e internazionale.

Al fine di disciplinare la tematica della videsorveglianza, cercando di equilibrare le necessità di sicurezza da una parte e la tutela dei diritti degli interessati, dall’altra, il Garante è intervenuto con il Provvedimento in materia di videosorveglianza – 8 aprile 2010, regolamentando sia la parte generale sia gli specifici settori, quali il condominio, i luoghi di lavoro, i trasporti pubblici, gli ospedali e i luoghi di cura.

Ad oggi, nonostante numerosi impianti ancora non rispettino le previsioni normative, fa tirare sicuramente un sospiro di sollievo il riscontrare una forte brama  di conoscenza della materia ed un bisogno di conformarsi alle norme, parte dal basso, vale a dire dai primi che si confrontano quotidianamente, ovvero gli installatori.

Questi ultimi sembrano aver finalmente compreso l’impatto che la privacy ha nella loro quotidianità: prendendo coscienza da un lato della imprescindibilità nella loro attività dell’osservanza di queste  norme, e dall’altro comprendendo che ponendole a base della propria attività, quella sarà sempre più competitiva nel mercato.

Informazioni sull'autore